sex toys reti nazionali

Sex Toys sulle reti nazionali, una rivoluzione

I sex toys approdano sulle reti nazionali di Mediaset e LA7 con uno spot destinato a portare una piccola rivoluzione su un argomento, che almeno nel nostro Paese, è ancora un tabù. La pubblicità, già attiva da luglio su Cielo, Real Time, Nove e Dmax è in onda ormai da un mese anche sulle sopra citate reti nazionali ed ha già fatto parlare di sé grazie ad uno slogan dal grande impatto sociale: “Vogliamo un mondo in cui le donne non sono oggetti sessuali, ma possono averli tutti”.

Il messaggio che vuole trasmettere è sicuramente importante e probabilmente è anche la chiave del successo di questo corto pubblicitario che ha già portato a MySecretCase, famoso e-commerce specializzato nel piacere femminile e di coppia, un incremento delle visite sul suo portale pari al 300% dimostrando quanto sia elevato in realtà l’’interesse del pubblico femminile per questi oggetti del piacere.

A riprova di ciò, l’e-commerce ideato e fondato da Norma Rosetti, sottolinea che ogni anno il proprio volume d’affari triplica con più di 200.000 gadget venduti dal 2014 ad oggi. Numeri che fanno comprendere quanto pubblicizzare i sex toys sulle reti nazionali sia stata una scelta di marketing saggia ed azzeccata. Aggiungendo l’importante messaggio sociale, che di questi tempi è più importante che mai, la società che ha sviluppato lo spot Cookies & Partners, ha centrato a pieno il bersaglio aiutando l’emancipazione femminile a superare tabù e pregiudizi.

Per concludere vogliamo riportare alcuni numeri sulla diffusione dei sex toys nel nostro Paese gentilmente fornito da MySecretCase: Nel 2017 il 40% dei sex toys acquistati sono dedicati alle donne, il 25% agli uomini e il 35% alla coppia; Milano si rivela la città più dinamica in termini di vendite (20%) seguita da Roma (15%) e Torino (5%), ma nel 2017 è il Sud a crescere a una velocità doppia (+40%) rispetto a Nord (+20%) e Centro (+15%). Sono le Donne tra i 20-30 anni quelle che acquistano di più, registrando una crescita del +300% rispetto al 2016, seguite dalla fascia 30-40 (+200%) e 40-50 (+200%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *